Condensa sui doppi vetri: perché si forma e come eliminarla

Tra le cose più spiacevoli che possono accadere alle tue finestre di casa è che si formi della condensa anche se sono dotate di doppi vetri. Perché si crea e come si può evitare la sua formazione? In questo breve articolo parleremo della condensa sui doppi vetri e dei possibili interventi per eliminarla in modo definitivo.

  1. Perché si forma la condensa sui doppi vetri?

La ragione per cui si forma la condensa sui doppi vetri è sempre la stessa, ossia la presenza di un piccolo passaggio, anche minimo, che mina la tenuta stagna della finestra. Questi buchi, che vengono detti tecnicamente ponti termici, non fanno altro che trasmettere il freddo dall’esterno verso l’interno. Un altro fattore che non aiuta è la presenza in casa di infissi in alluminio a taglio freddo, perché l’alluminio è un metallo che fa da conduttore per cui si comporta come un ponte termico e porta verso l’interno il freddo presente all’esterno. Prima di tutto è bene far notare che la condensa si può formare in due diverse zone: sul bordo o all’interno dei doppi vetri. Fai attenzione alle zone in cui si forma la condensa così potrai capire cos’è che non funziona a dovere nella tua finestra. Primo caso: la formazione di condensa sul bordo molto probabilmente è dovuta a un difetto del profilo separatore, detto anche canalina termica. Nelle finestre costruite con adeguati standard di qualità questa parte è costituita di materiale isolante, mentre in altri modelli è in alluminio, per cui al momento di acquistare un serramento questa è una di quelle caratteristiche da non sottovalutare. Secondo caso: quando invece la condensa si crea all’interno può essere che la causa sia una falla nell’intercapedine della vetrocamera, ossia la sigillatura che dovrebbe collegare e isolare le due lastre di vetro.

  1. Come eliminare il problema condensa?

Purtroppo, per quanto riguarda entrambi i casi di formazione di condensa, è impossibile riparare il doppio vetro. L’unica alternativa è la sostituzione, ma stavolta non commettere errori! Fai attenzione che i nuovi doppi vetri siano di tipo basso-emissivi e dotati di canalina termica isolante (non in alluminio!). Non risolvere il problema della condensa e continuare a vivere in una casa soggetta a questo tipo di umidità, prima di tutto non è salutare e poi a lungo andare la presenza di ponti termici potrebbe determinare una diminuzione dell’efficacia energetica della tua casa e quindi una spesa maggiore sulla bolletta, nonché un degrado permanente della trasparenza dei vetri.

  1. Come prevenire la formazione di condensa?

È possibile adottare alcuni comportamenti per cercare di limitare il più possibile la formazione di condensa sui doppi vetri. Ad esempio, è bene evitare di stendere il bucato dentro casa per non andare ad aumentare il livello di umidità dell’area casalinga e tantomeno far asciugare i vestiti sui termosifoni. Anche i fumi della cucina possono rappresentare un’ulteriore fonte di umidità, per cui è sempre consigliabile mettere in funzione la cappa, anche solo per qualche minuto. Lo stesso vale per l’umidità in bagno quando fai la doccia: in questo caso chiudi la porta del bagno e tieni leggermente socchiusa la finestra. Inoltre, è bene aprire sempre le finestre in camera da letto al risveglio e di tanto in tanto arieggiare tutte le stanze. Infine ricorda che il tasso di umidità consigliabile in un’abitazione, a una temperatura di 20° circa, dovrebbe restare tra il 40 e il 60%.